5 Gli Tsumego, problemi di vita e morte

Perciò, cerca di anticipare i piani del nemico, e individua i suoi punti forti e deboli:potrai decidere quale strategia usare per avere successo, e quale no [...] Individua le sue posizioni: così conoscerai il terreno della vita e della morte

Sun Tsu – L’arte della guerra

La traduzione approssimata di tsumego è “problema di vita e morte” e infatti gli tsumego sono particolari problemi di go dove l’obiettivo è garantire la vita a un gruppo o ucciderlo
In realtà l’etimologia del termine non ha nulla a che fare con il Go, viene da tsumeshōgi (詰将棋 ) che è l’equivalente nello shogi per lo scaccomatto degli scacchi occidentali.

Chi ha familiarità con gli scacchi li troverà in effetti simili ai problemi in cui bisogna dare scacco matto, ci si trova davanti a delle pedine piazzate e se non specificato altrimenti tocca al nero muovere e si deve uccidere il bianco. Come i problemi degli scacchi gli tsumego allenano a leggere velocemente situazioni che si possono verificare in partita.

Allego due tsumego molto semplici, entrambi risolvibili con una sola mossa. Per risolvere uno tsumego bisogna impedire all’avversario di fare gli occhi, quindi bisogna cercare i punti vitali e occuparli

Due tsumego molto semplici

Soluzione

Il primo si risolve semplicemente giocando in J13 che è l’unico punto da cui il bianco può creare un occhio.

Il secondo si risolve giocando in H1, infatti anche se poi il bianco risponderà con G1 mangiando due pietre si ritroverà comunque nell’incapacità di formare due occhi, perché la pietra bianca in K1 forma un occhio falso e può essere messa in atari.

Se invece il nero cominciasse giocando in L1 e catturando il bianco risponderebbe in H1 formano due occhi e salvandosi

Risolvendo uno tsumego senza l’ausilio del computer dovete fare le parti sia del bianco che del nero: il nero cerca di uccidere, il bianco di salvarsi… se fate giocare il bianco in modo troppo stupido potreste ottenere delle soluzioni che non esistono, state attenti.

Per quanto mi riguarda la risoluzione manuale ha però dei vantaggi rispetto a quella assistita dal computer dove c’è molta interattività e la risposta del bianco è automatica, la risoluzione manuale evita di andare a caso sul Goban fino a trovare la mossa giusta ,costringe a vagliare più ipotesi e sopratutto ( come dicevo in un commento qualche giorno fa) insegna a capire da soli se e quando lo tsumego è risolto vedere se la soluzione è giusta da soli fa parte dell’esercizio, perché bisognerà vederlo anche nelle partite.

In Giappone sono diffusissimi manualetti tascabili con tsumego e problemi vari ( introvabili in europa…) e se il mercato non è stato scalfito dai siti interattivi ci sarà un motivo…

Concludo con altri 4 tsumego un po’ più complicati (rispetto ai precedenti quantomeno) di cui non darò adesso la soluzione

4 tsumego da risolvere

Mi aspetto che qualcuno posti le soluzioni come commento :)

Dopo che li avrete risolti se ne volete ancora potete andare su http://www.goproblems.com/ un sito che contiene una quantità incredibile di problemi di Go tra cui molti tsumego.

Ho sostituito la vecchia immagine degli tsumego con una dove si vedessero le coordinate

Spoiler


4 tsumego direttamente dal mio goban

Questa voce è stata pubblicata in Go e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a 5 Gli Tsumego, problemi di vita e morte

  1. Erkte scrive:

    Come per i problemi di scacchi ci sono delle convenzioni che occorre tener presenti quando si guarda uno tsumego, eccole.

    La posizione in alto nel primo goban credo di averla già vista su goproblems.com…

    Ehm… non ci sono coordinate nell’ultimo goban, come do’ le soluzioni? :D

  2. admin scrive:

    >>Ehm… non ci sono coordinate nell’ultimo goban, come do’ le soluzioni?

    questo in effetti complica le cose, però è più carino il goban fotografato! mmm, finisco di maltrattarmi il cervello con analisi2 e riposto con le coordinate

    se vuoi scrivi come se ci fossero intanto

  3. Erkte scrive:

    Allora vediamo…

    Il primo in alto a sinistra. bF15 wG15 (bianco cattura e tenta di preservare l’occhio in basso ma…) bE16 (e l’occhio di bianco è definitivamente falso).

    L’ultimo in basso a destra. bQ1 (minaccia di catturare le due pietre a destra) wQ2 (bianco le mette in salvo) bP1; a questo punto bianco può ancora sopravvivere se riesce a prendere sia P2 che O1, quindi se wP2 bO1 e bianco è morto; viceversa se wO1 bP2. In entrambi i casi se bianco si ostina a prendere le tre pietre nere, il nero chiude definitivamente il discorso con bP1.

    Gli altri due mi danno filo da torcere, li rivedrò con comodo un’altra volta.

  4. Gwillion scrive:

    @erkte

    Se tu giochi nero in q1, io metterei bianco in p1, così minaccio di mangiarti la pietra nera (o le pietre nere se ne aggiungi una in q2) e nel frattempo occupo il punto di vita, ed il gruppo vive

    diverso era il discorso se c’era una pedina nera in s1, in tal caso potevi mangiarti davvero le due bianche, ma così c’è una libertà di troppo…

    • Erkte scrive:

      Uhm… hai ragione, ho immaginato una difesa stupida per il bianco. Per evitare inutili mal di testa proverò le posizioni su un goban prima di postare i risultati.
      Devo dire che studiare gli tsumego senza l’interattività di goproblems.com è tutta un’altra cosa…

      • admin scrive:

        Esattamente, farli a mano secondo me è molto più istruttivo.

        (poi tu ti sei andato a scegliere quello con la sequenza più lunga dei quattro per farlo a mente!)

  5. francesco ferrari scrive:

    quello in basso a destra si risolve con Bp2 Wp1 Bq2 Wq1 Bo2 W01 Bp2 Wq2 Bs1 Wo2 Bo2
    fine

  6. francesco ferrari scrive:

    quello in basso a destra si risolve credo Be4 We3 Be1 Wd6 Bd9 Wd7 Bf5 naturalmente poi non ci sono più vie per fare due occhi

  7. francesco ferrari scrive:

    è bello provare a risorverli sensa goban è difficile ma divertente allena la mente comunque quello in alto a destra è impossibile a mente!!! :)

  8. Pasquale scrive:

    la prima parte è corretta, Be4 We3 Be1; poi però W non giocherebbe mai in d6 che è dove dovrebbe tentare di fare un occhio, può invece giocare in d5 o in d7 ma a B basta giocare nell’altra opzione lasciata libera per impedire la formazione dell’occhio.
    Quindi in sequenza Be4 We3 Be1 Wd5 Bd7 . (oppure Be4 We3 Be1 Wd7 Bd5)
    Inoltre non importa l’ordine delle mosse di W, se nero gli risponde adeguatamente il risultato non cambia: Be4 Wd5 Bd7 We3 Be1

  9. Pasquale scrive:

    per quanto riguarda il problema in alto a destra, Bs16 come prima mossa è d’obbligo, altrimenti W riuscirà sempre a salvare almeno parte delle pietre (giocando lui stesso in s16), successivamente W può giocare in p11 o p13 ma a B basterà giocare nell’altra opzione. Quindi Bs16 Wp11 Bp13 (oppure Bs16 Wp13 Bp11). A questo punti i gruppi di pietre bianche più “esterni” hanno solo un occhio e se anche W li connette tutti alla fine avrà un unico grande gruppo con un solo occhio in s14, se invece non li connette B li catturerà uno ad uno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>