8 Go, Il territorio e la conta dei punti

«Una partita di Go si svolge in tre tappe: il fuseki, la metà partita e l’abbandono»
ma oggi parlerò dell’eccezione a questa regola

Nell’articolo numero 3 dicevo che nel caso che la partita non venga vinta per abbandono si procede alla conta del territorio e avevo dato una definizione approssimativa del territorio come “la porzione di goban non occupata circondata dalle proprie pedine” ora che spiegato il concetto di vita e morte dei gruppi posso darne una definizione migliore

Fa parte del proprio territorio tutta la porzione del Goban che è delimitata da pietre proprie o che comunque non può essere attaccata con successo dal avversario.

le posizioni che non rientrano in queste condizioni ( le zone in seki e le zone fuori dagli schieramenti) sono terra di nessuno

La seconda parte della definizione potrebbe sembrare vaga… ma non lo è, perché la partita finisce appunto quando tutti e due i giocatori non non possono invadere ne essere invasi, la parte finale della partita di go è un consolidamento dei propri schieramenti.

Un Goban con una partita conclusa

In questa partita per esempio i territori sono evidenti, il bianco ha la zona in alto a sinistra e tutta la zona a destra e un gruppo in basso, il territorio del nero ha un unico gruppo che si estende dal centro all’angolo in basso a sinistra e gli unici due punti che non fanno territorio ( terra di nessuno) sono M8 ed N9.

Il punteggio della partita consiste nel territorio occupato più i prigionieri (e il komi per il bianco) i prigionieri consistono nelle pietre mangiate e in quelle che si trovano all’interno del proprio territorio e non sono un gruppo vivo (come nell’immagine sotto).

Goban

Un altra partita conclusa, in questa ci sono delle pietre nere che verranno fatte prigioniere

Per effettuare la conta dei punti si procede in questo modo:

  1. Si decide se riempire i punti neutri continuando a giocare fino a riempirli ( questa procedura non è necessaria e ovviamente non vale per i seki ma rende più agevole la conta dei punti quindi viene spesso effettuata)
  2. Si rimuovono le pietre morte mettendole tra i propri prigionieri.
  3. Si spostano le proprie pietre fino a formare territori di forme facili da contare, le pietre all’interno vengono spostate sul perimetro.
  4. Si mettono le pietre prigioniere all’interno degli schieramenti avversari (per sottrargli punti) il bianco prende tante pietre nere quanto la parte intera del komi e li usa come se fossero prigionieri per sottrarre territorio al nero
  5. Si contano i punti di territorio e si decide il vincitore

Mi spiego meglio con una serie di foto scattate al club:

La partita è appena stata conclusa, le pietre a sinistra sono i prigionieri

Le pietre morte vengono fatte prigioniere

I territori vengono riassestati per facilitarne la conta e le pietre prigioniere dell’avversario vengono piazzate all’interno

I punti del bianco sono quindi 14*3+7*8+3*2=104
I punti del nero 2+5*3 =17

Bianco vince di 87 punti
Le posizioni neutre (4 punti) non sono state colmate

Questa voce è stata pubblicata in Go e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a 8 Go, Il territorio e la conta dei punti

  1. Pingback: 3 Go, regole di base (2/2) | Appunti di Go

  2. Erkte scrive:

    A proposito della citazione: proprio ieri dicevo a Renato e Vincenzo che una cosa brutta – forse la cosa più brutta, almeno per un principiante – delle partite tra giocatori di livello superiore è quando uno dei due si arrende. Il giocatore bravo lo fa perché analizza mentalmente le giocate successive e fa una stima di quanto potrebbe guadagnare a gioco corretto e quindi tra le sue conclusioni, ma per un giocatore alle prime armi sembrano decisioni campate in aria, proprio perché le cose non le vede finché non succedono. Per questo stesso motivo mi piace giocare fino all’ultimo, fino a riempire le dame: certamente è un po’ noioso però durante la fase degli spostamenti di pietre evita di accreditare incautamente punti in più a uno dei due giocatori.

    Dato che ti ricordi che abbiamo un club, potresti anche farti vivo qualche volta. Il go è un gioco e va giocato, parafrasando Frank Zappa: “Parlare di go è come danzare di architettura”.

  3. admin scrive:

    Sono stato bloccato prima da un esame di Anal isi2 e poi dalla laurea del mio cugino omonimo… Lunedì prossimo mi arricampo

    • Erkte scrive:

      Lunedì prossimo è il 1° Novembre, se vuoi puoi venire ma preparati a giocare da solo.
      Piuttosto… sarebbe bello organizzare delle partite in luoghi pubblici, anche a scopo divulgativo, per esempio all’università dove i posti adatti non mancano e sicuramente neanche la gente interessata. Che ne pensano i lettori del blog?

      Tuo cugino si chiama Analisi2?

  4. admin scrive:

    mmm, non ci avevo pensato. è una congiura universale per non farmi venire al club!

    università? si potrebbe provare a farci ospitare dall’auletta studenti, credo sia il luogo più adatto… ma solo per ingegneria, bisognerebbe organizzare bene la cosa

    Mio cugino si chiama come me…

    • Erkte scrive:

      Semplifica fratello, semplifica: basta un goban, due persone e un tavolo.

      • admin scrive:

        beh, se è per questo io una volta ho giocato pure su una panchina.

        • Erkte scrive:

          Certo. 13×13 su un foglio di carta con delle pietre minuscole: e lo chiami giocare a go, questo? :)

          • admin scrive:

            Cos’è questa valutazione esclusivamente estetica?

            Voi non apprezzate la comodità del mio goban magnetico pieghevole xD credi che se avessi un goban a dimensione regolamentare (che comprerò alla prima occasione…e per prima occasione intendo quando non dovrò pagare da solo le spese di spedizione) lo porterei a club? è troppo ingombrante!

    • Mande scrive:

      Yup, that’ll do it. You have my appriecation.

  5. Toni Cappuccia scrive:

    Due punti in meno per nero ^^

    Deve catturare fisicamente il gruppo bianco morto in basso (o almeno mettere in atari la parte piu’ consistente)
    Altrimenti riempiti tutti i dame, bianco puo’ catturare il gruppo nero alla sinistra del suo, o almeno le 3 pietre separate.

    Belle le foto dall’altro del Goban, sono molto piu’ carine che i diagrammi generati al pc, per mostrare il conteggio, rendono meglio l’idea!

  6. admin scrive:

    Ora che me lo fai notare c’è un punto di taglio che andrebbe protetto, il nero avrebbe dovuto giocare almeno in G2 , quindi ha almeno un punto in più in questa conta (potrebbero essere due se il bianco decidesse di continuare a giocare costringendo il nero a una cattura)

    L’idea delle foto m’è venuta appunto perché non le avevo mai viste in nessun sito o libro, mi sono portato il treppiedi e le ho scattate

    • Julian scrive:

      Invece io credo che hai capito ma hai sbalaigto a contare le caselle In alto a destra il nero ha 3 territori come dici tu. le pietre M9 ed N10 ( si, ho sbalaigto a contare anche io) si trovano al centro del Goban e sono terra di nessuno ( dame in giapponese) perche9 si trovano all’esterno dei gruppi, se i giocatori volessero potrebbero giocarci sopra e riempirle senza variare la situazione della partita.con la frase gli unici due punti che non fanno territorio intendo questo.guarda

    • Gabriel scrive:

      Due punti in meno per nero ^^Deve catturare ficsnameite il gruppo bianco morto in basso (o almeno mettere in atari la parte piu’ consistente)Altrimenti riempiti tutti i dame, bianco puo’ catturare il gruppo nero alla sinistra del suo, o almeno le 3 pietre separate.Belle le foto dall’altro del Goban, sono molto piu’ carine che i diagrammi generati al pc, per mostrare il conteggio, rendono meglio l’idea!

    • Elhadj scrive:

      Lunedec prossimo e8 il 1b0 Novembre, se vuoi puoi veirne ma preparati a giocare da solo.Piuttosto sarebbe bello organizzare delle partite in luoghi pubblici, anche a scopo divulgativo, per esempio all’universite0 dove i posti adatti non mancano e sicuramente neanche la gente interessata. Che ne pensano i lettori del blog?Tuo cugino si chiama Analisi2?

    • Robert,While Manticore and its allies could possibly create such a drone, the Solarian couldn’t and I don’t think that Haven could either. Remember that Manticore had to invent a superdense, super small, fusion plant to just make the first recon drones with FTL communication. So for either of them to build something that small would not be possible at ‘this’ time.One possible defense would be to mount jammers on the ships and broadcast the “static” from there.Another defense is to get in close, while it doesn’t stop the control that Apollo has, it does mean that you get to fight back.

  7. Toni Cappuccia scrive:

    G2 non basta, perche’ una volta riempiti i dame, bianco puo’ giocare J1 e catturare.

    Nero _deve_ difendere giocando M1 ed L1, una volta in atari il gruppo bianco, non puo’ piu’ succedere nulla. due punti!

  8. Stefania scrive:

    Ciao a tutti..
    sono una straneofita.. credo 100 kyu :P
    non ho capito bene come si contano i punti, mi spiego meglio: nella prima foto del post “Un Goban con una partita conclusa” io credevo che il nero in alto a dx avesse conquistato 3 territori.. invece la frase “gli unici due punti che non fanno territorio ( terra di nessuno) sono M8 ed N9.” (credo sia riferita a loro anche se nn ci sono le coordinate) perchè?
    scusate la domanda che a voi sembrarà imbarazzante..
    tx

  9. admin scrive:

    Invece io credo che hai capito ma hai sbagliato a contare le caselle :)
    In alto a destra il nero ha 3 territori come dici tu.

    le pietre M9 ed N10 ( si, ho sbagliato a contare anche io) si trovano al centro del Goban e sono terra di nessuno (“dame” in giapponese) perché si trovano all’esterno dei gruppi, se i giocatori volessero potrebbero giocarci sopra e riempirle senza variare la situazione della partita.

    con la frase “gli unici due punti che non fanno territorio” intendo questo.

    guarda qui

Replica al commento si Erkte Cancella la replica

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>